FREE FALL JAZZ

ultime recensioni

MoFRANCESCO QUINTETTO – Kucheza (2016, Sintoma Rec.)

MoFRANCESCO QUINTETTO ...

'Kucheza' di MoFrancesco Quintetto è un disco ben fatto e
WYNTON MARSALIS – The Abyssinian Mass (2016, Blue Engine Records)

WYNTON MARSALIS –...

Ci sono luoghi comuni nella critica jazz nostrana che paiono
LUIS PERDOMO – Spirits And Warriors (2016, Criss Cross)

LUIS PERDOMO – S...

Fra i più interessanti pianisti contemporanei, Luis Perdomo si è
EVAN PARKER – ANDREA CENTAZZO – Duets 71977 / WEST COAST CHAMBER JAZZ TRIO – L.A. Strictly Confidential (Ictus, 2016)

EVAN PARKER – AN...

Uscita quasi in contemporanea di questi due dischi. Il primo,

Articoli Recenti

Con un annuncio a sorpresa, Christian Scott è pronto a tornare col suo nuovo album ‘Ruler Rebel’ il prossimo 31 marzo, probabilmente ancora su Ropeadope. L’album dovrebbe essere il primo di una trilogia, la ‘Centennial Trilogy’, che ha l’obiettivo di fotografare il presente e allo stesso tempo mettere in luce quanto poco sia cambiato da un passato che si sperava, appunto, passato cent’anni fa. (Continua a leggere)

Un festival musicale tagliato su misura per gli amanti della montagna e degli sport invernali: dal 10 al 18 marzo in tutta la Val di Fiemme (TN), sciatori, snowboardisti ma anche semplici amanti delle camminate in mezzo ai panorami innevati troveranno ad attenderli in alta quota i concerti del Dolomiti Ski Jazz. Ritmi caldi come quelli del jazz ma anche del blues, della musica funk e latina creeranno contrasti da brivido con lo scenario imbiancato delle Dolomiti. (Continua a leggere)

Ci sono minchioni che sostengono sia superato affrontare gli standard, che sia una cosa detestabile e, perché no, fatta solo per compiacere il pubblico. Trattasi, appunto, di minchioni e di ignoranti, perché la differenza la fa sempre il musicista. Se è in gamba saprà trarre qualcosa di valido e originale pure dal pezzo ritenuto più logoro. Un esempio? Questa bellissima versione di ‘Softly As In A Morning Sunrise’ del quartetto del batterista Ari Hoenig, registrata allo Smalls.


Fra i più interessanti pianisti contemporanei, Luis Perdomo si è distinto innanzitutto per il suo lavoro al fianco di Miguel Zenon (e altri). Meno per una carriera solista di tutto rilievo, caratterizzata da una visione musicale in cui l’aspetto latino assume più i connotati di passione ed intensità espressiva, prima ancora che di intrecci ritmici e melodie particolari. Aspetti che non mancano, sia chiaro, ma in maniera quasi subliminale. ‘Spirits And Warriors’, quarta uscita per Criss Cross, vede il venezuelano alla guida di un quintetto eccezionale in cui svettano la potenza ritmica e l’inventiva del veterano batterista Billy Hart e una frontline senza confini: la liquida tromba di Alex Sipiagin e il poderoso sax di Mark Shim sono un vero e proprio torrente di soluzioni inventive e originali, senza mai perdere d’occhio l’orecchiabilità di fondo e un ideale rispetto fra le proporzioni (altre caratteristiche tipiche della produzione di Perdomo). (Continua a leggere)

30 eventi, oltre 100 artisti coinvolti: dal 19 al 26 marzo torna Bergamo Jazz, prestigioso evento musicale per la seconda volta affidato alla Direzione Artistica del musicista americano Dave Douglas, ad ulteriore testimonianza del respiro internazionale che da sempre è nel DNA del Festival. Internazionale, di conseguenza, e con una significativa presenza femminile, il cast allestito dal celebre trombettista newyorkese, la cui simpatia ha letteralmente conquistato lo scorso anno il pubblico accorso da ogni parte d’Italia e anche dall’estero per salutarne l’entrata nella squadra di Bergamo Jazz. (Continua a leggere)

Se ricordate, abbiamo parlato di Darryl Yokley in occasione della recensione del suo album di debutto e di una relativa intervista, un po’ di tempo fa. Darryl ci disse che aveva già scritto buona parte del secondo album, una specie di sinfonia jazz dove ogni pezzo è ispirato ad un quadro, ospiti Nasheet Waits ed un ensemble di fiati. Bene, oggi l’album è pronto. Si chiama ‘Pictures At An African Exhibition’ e Darryl chiede aiuto per le fasi di mastering, mixaggio, stampa etc. (Continua a leggere)

Il Carnevale si avvicina, anzi, è proprio dietro l’angolo. Etienne Charles, che non sembra il tipo da starsene con le mani in mano (a differenza di chi scrive, che non ha ancora avuto tempo di ascoltare per bene e recensire l’ultimo ‘San José Suite’), ha passato quattro mesi compiendo nuove ricerche etnomusicali sulle tradizioni di Trinidad mettendo a frutto una Guggenheim Fellowship For Music Composition. (Continua a leggere)

A poche settimane dalla conclusione della stagione dei 70 anni, il Centro d’Arte propone per il nuovo anno una rassegna che ne riprende la formula e l’indirizzo, premiata da un successo di pubblico entusiasmante: per il 2017 il cartellone, sempre ricco di novità, offre occasioni di ascolto che sfidano i generi e le etichette, undici serate di musica che illustrano i molteplici linguaggi della contemporaneità, dal jazz alla composizione, dall’improvvisazione sperimentale alla ricerca elettroacustica. (Continua a leggere)

Il linguaggio musicale possiede caratteristiche tali da renderlo particolarmente adatto ed efficace ad affrontare una molteplicità di temi e sentimenti umani, utilizzando modalità espressive estremamente variegate. Il jazz ha sin dalle sua fondamenta potuto godere di un così vasto intreccio di contributi, tale da permettere al musicista di turno di affrontare certi temi con una flessibilità e trasversalità di culture e di discipline artistiche difficilmente riscontrabili in altri ambiti. (Continua a leggere)

Older Entries »