FREE FALL JAZZ

Jersey Shore's Articles

Una comunicazione di servizio: da oggi, Free Fall Jazz sbarca pure su Google+ e Tumblr. Giusto per non farvi perdere niente, o per perseguitarvi meglio, a seconda della vostra personale malevolenza. Abbiamo fatto lo sforzo di interrompere la visione delle repliche di Jersey Shore solo per questo, non vanificate lo sforzo, mi raccomando! Entrambe le piattaforme, come già Twitter, faranno da megafono ai post del blog, mentre per le comunicazioni ci serviamo sempre di email e Facebook.

Esattamente due mercoledì fa, il 10 Ottobre, Free Fall Jazz ha compiuto un anno. E lo so che siamo in ritardo, ma quando ci attacchiamo al televisore poi diventa difficile trovare il tempo di scrivere (ci piace Jersey Shore, lo sapete. Ma non disdegnamo Scrubs e Casa Vianello, anche).

Non ci lanceremo in autocelebrazioni sfrenate, però un “grazie” a voi, che sottraete preziosi minuti della vostra giornata a Jersey Shore (e a Scrubs e Casa Vianello) per leggere quel che imbrattiamo su queste pagine, ci sta tutto.

E il counter dice che è anche il nostro trecentesimo post: una festa a sorpresa coi palloncini e la musica giusta non ci dispiacerebbe, ammettiamo.

Qualche tempo fa, leggendo una biografia, forse la solita Wiki, ho appreso con stupore come il ben noto conduttore di SuperQuark in gioventù, sin dalla fine degli anni ’40, si cimentasse al pianoforte  jazz con il nome di PETER ANGELA. Lo stupore si trasformò in incredulità ai limiti del colpo apoplettico nell’apprendere che il nostro avesse suonato più o meno stabilmente con un pioniere dimenticato come il trombettista Nunzio Rotondo.

Stamattina un, ahem, affezionato lettore ci segnala in qualche modo un video di Peter Angela sessant’anni dopo. Tratto da una puntata di SuperQuark del 2010 (che ci siamo persi perchè in TV guardiamo principalmente Jersey Shore), vede il conduttore ancora ben disinvolto dietro al pianoforte. Tra gli accompagnatori c’è Fresu, che di solito non è proprio la nostra tazza di thé, ma poco importa: Piero Angela che tra un leptone e un documentario sui coccodrilli suona una ballad mica potevamo tenerlo tutto per noi?