FREE FALL JAZZ

Chi non ha mai visto ‘A Qualcuno Piace Caldo’, il capolavoro di Billy Wilder in cui Jack Lemmon e Tony Curtis, jazzisti spiantati negli anni del proibizionismo, assistono casualmente ad un regolamento di conti fra gangster e per scappare si aggregano ad un’orchestra di jazz femminile (la cui voce solista è Zucchero/Marilyn Monroe), fingendosi donne? Chi non l’avesse fatto intanto vada subito dietro la lavagna e poi rimedi. Per tutti gli altri: avete mai preso in considerazione l’idea dell’orchestra jazz femminile? In effetti le cronache del jazz parlano sempre e solo degli uomini, e questa musica è sempre stata vista come roba da uomini. Oggi di musiciste di talento ce n’è, e nemmeno poche, ma allora? Beh, esiste un documentario sul tema, ‘The Girls In The Band’, che parla proprio di loro, di quelle centinaia di donne che suonavano in giro per gli States negli anni ’30 e ’40, a volte in band tutte al femminile, altre a fianco dei colleghi maschi, arrivando fino ad oggi. Diretto dalla documentarista Judy Chaikin, è uscito nel 2012 e da allora è stato proiettato molte volte in cinema, teatri e università – soprattutto negli USA ma pure altrove, vedasi la proiezione svedese del 18 novembre prossimo. Da questa settimana è disponibile pure il dvd ufficiale, acquistabile direttamente dal sito.


Naturalmente, non abbiamo visto ancora il documentario, ma contiamo di farlo il prima possibile – da Mary Lou Williams, Melba Liston, Clora Bryant fino alle odierne Tia Fuller, Mary Halvorson, Maria Schneider, Geri Allen e altre ancora, la via è stata lunga e tortuosa, e da conoscere assolutamente.

Comments are closed.